venerdì 8 agosto 2008

THE DARK KNIGHT- IL CAVALIERE OSCURO

Eccolo!
Non vi dico nulla per non rovinarvi la sorpresa sul giudizio mio e di Leo...leggermente differenti questa volta!
Prima trovate la recensione di Leo e poi la mia...in attesa di ammettere che sono una testa di legno troppo dura persino per me.

IL TOTEM DEL PIPISTRELLO E LO SCIAMANO BUFFONE

BY LEO

Il pipistrello.
Le ali dell’angelo decaduto.
Temono la luce. Come i vizi capitali, come nel buio delle caverne.
Latino Vespertilio e greco Nykterìs, come i nomi dei sonnambuli notturni.
Le anime dei morti squittiscono come i pipistrelli, nell’Odissea omerica.
Chirotteri, mammiferi volanti.
Per Santa Ildegarda di Bingen (1098-1179) essi sono uccelli, ma assai peculiari. «Volano specialmente quando gli uomini dormono e gli spiriti, di conseguenza, se ne vanno in giro»; suggerisce che se qualcuno soffre di itterizia deve trafiggere un pipistrello vivo e appoggiarlo sul proprio dorso, stringendolo bene. La malattia passerà dall’uomo al ricettacolo sacro fornito dal corpo morente del pipistrello [Biedermann, H., “Simboli”, 1989 (ed. orig.); pp. 407-408] .
Eppure talvolta come per l’ambivalenza regale di tutti i simboli, esso si pone come speculare lato positivo. In Cina fu segno di felicità, e non mancano mandala orientali con una costruzione ‘à la quinconce’: quattro pipistrelli ai lati di un immaginario quadrato contenente al suo interno un cerchio, il cui centro è a sua volta un altro pipistrello alato.
Per i Quiqué-Maya, un divino essere infernale è il ‘pipistrello che strappa le teste’. Le streghe lo attorniano adoranti nei sabba iconici.

Un demone. Uno spirito, puro pneuma.
Non importa se sùpero od ìnfero.
Ambivalente, ambiguo. Morte e felicità.
Un simbolo potente.

Un folle.
Il buffone. Origo et fons degli ‘Arcani Maggiori’ dei Tarocchi, il numero 0.
Un lacero viandante vi è raffigurato sopra, cacciato e scacciato da un minuscolo cane.
È l’inesperienza, all’attiva ricerca della saggezza [Biedermann, cit., p. 80].
Nell’eterno Qohélet la follia può essere più saggia della sapienza (10,1).

L’uomo pipistrello è il totem del clan degli uomini dell’immaginaria città di Gotham.
Li unisce come costruzione sociale ipostatizzata, concreta, nella potenza arcaica del suo simbolo.
Le sue ali solcano i cieli nelle nuvole notturne. Avvolgono come un manto oscuro i sogni di una città creata nell’immaginale a fumetti tra gli anni ’30 e ’40 dell’America reale, uscita dalla Grande Depressione solo per scivolare in un’altra guerra mondiale.
Non è il rosso sgargiante dell’altro eroe della DC Comics, il fuoco della porpora imperiale combinato con il blu della regalità delle icone bizantine.
È il nero.
Gotham è il lato oscuro di Metropolis.
Gotham è una città di questo squarcio iniziale di III millennio.
I suoi cittadini sono i nostri vicini.
La polizia in balia del crimine sono le nostre forze dell’ordine. I suoi vigilantes privati sono le risposte allarmate della cittadinanza. A paura altra paura; all’indifferenza la spasmodica azione concreta.
Il loro panico è la nostra angoscia.
Metropolis è morta.
Lunga vita al nostro animale totemico, mentre ci lanciamo in un ballo sfrenato attorno al palo sacro, al nostro Axis mundi. Sapendo che, come in un blasfemo sabba lovecraftiano, poco oltre, là nella scia dei Grandi Antichi (=gli eterni archetipi umani dell’inconscio), sull’orlo del baratro, non stiamo facendo altro che divinizzare la nostra angoscia, la nostra sofferenza.
Questa è la nostra “sacra volta” che ci ripara, sotto cui difenderci dalla pioggia incessante di questa virtualità reale quotidiana, la nostra religione moderna ed accessibile democraticamente a tutti: la paura.
L’uomo-pipistrello è il nostro profeta.
Un simbolo.
Sùpero od ìnfero non ha importanza ora.
Questo è l’eroe di cui Gotham non ha bisogno, ma solamente colui che Gotham si merita.
La coscienza esteriorizzata ed oggettivata in un simbolo, in un animale.

Il buffone è il saggio.
Voilà, vengono date le carte.
Gira la pallina nella roulette.
Fa’ il tuo gioco.
Ma non è abbastanza. Perché non ha senso quell’eterno aspettare il numero giusto.
Il viandante ha già visto. Ha vestiti sfatti. Il viandante ha conosciuto l’animo umano. Ha capelli sporchi. Il viandante ha capito il fuoco spento che s’agita dietro i sorrisi falsi. Ha trucco sfigurato. Il viandante ha sentito tutte le voci, tutti i rimproveri, tutte le lodi, le poesie e le bestemmie.
Non lo guida mano di uomo, non sente voce di amici. Ignora convenzione per farsene gioco.
Dio stesso gioca con l’ambiguità, con il potere dei simboli: ad un pazzo donare la saggezza!
Eppure non pare idea così bislacca. Non quando lo si vede agitare le mani al vento, estasi estetica alla pioggia. Non quando sfida i potenti su regole d’imposizione.
Non quando sale sul palo del totem per farsene beffe – o per adorarlo – e dimostrarsi sciamano più vicino ai cieli dei comuni mortali che venerano timorosi il pipistrello da terra, in ginocchio, con la pelle sporca di fango, senza capirlo.

Perché lui è l’alter ego del pipistrello. Giorno e notte. Compagnia e solitudine. Caverne e reggia del
re. Insetti e corte principesca. Entrambi reietti, entrambi prigionieri di un archetipo. Due facce della stessa medaglia.

Non è ancora Frank Miller. Non è ancora Metropolis contro Gotham.
Ma le basi sono gettate. Il buio è calato. I buoni cadono. Chi ha tradito, è impazzito e ha ceduto al potere dell’inconscio, abdicando alla salute mentale [Harvey Dent]. E con il buffone il gioco diventa preda di sadismi folli, e masochismo inutile. Chi ha iniziato l’escalation al male? L’esaltazione del bene a tutti costi del pipistrello. Chi è allora causa prima del male? Il bene?
Alle domande i cittadini singhiozzano e non rispondo. Cadono.
Il pipistrello ed il buffone non cadono. Loro stessi si sono fatti miti. Un rito è la celebrazione di un mito, la sua riattualizzazione comunitaria. Un fatto accaduto agli dèi in epoche passate. Carne di mito, carne di dèi.
Celebriamo questo rito. Cediamo alla follia – o all’oscurità.

> Stiamo assistendo ad una vera e propria esplosione di film dedicati a personaggi dei fumetti; anzi, posso affermare che tale è il nuovo mainstream dell’industria cinematografica. E il sacro, il bisogno di religiosità (si badi bene, non “religione”) lasciato vuoto dagli spazi già secolarizzati, viene riempito dalle sale domenicali, dai DVD del week-end. È la vittoria della “nuova mitologia”, del fantastico todoroviano in chiave cinematografica. Ma, visto che di altro si tratta (e lambisce la storia delle religioni e la letteratura), di questo ne parlerò in un prossimo post su geomythology.blogspot.com…
Qui prossimamente, “Hellboy 1+2” [avrebbe dovuto accompagnare il Cavaliere Oscuro, ma tant’è…], e la promessa storia dei peggiori film tratti dai fumetti della ‘I Era Marvel’ cinematografica.

REGIA: Cristopher Nolan
ANNO: 2008
GENERE: Avventura; Fumetti
VOTO: 9 ½ [un pugno di battute fuori luogo – cfr. i poliziotti attaccati dal Joker; impassibile Wayne/Bale e monocorde, forse troppo. Come tono meglio l’atmosfera generale di Iron Man. Ma il resto del cast è eccezionale. Ode a Gordon/Oldman –da Dracula a Batman resta invischiato nell’archetipo del pipistrello – e Caine/Alfred. Geniale e incorruttibile da ambo i lati della salute mentale Eckhart/Dent. Ledger titanico, folle…no, questa volta lode e merito sono meritatissimi. Purtroppo, non so quanto questo ruolo c’entri con l’epilogo della sua vita. Certo, il contatto della persona/maschera con l’archetipo folle non può avergli giovato. Ma è solo una speculazione assolutamente non verificata. Lascia a tutti l’interpretazione ultima. Spazzati via tutti i dubbi che anch’io ebbi a suo tempo. Arte pura]
QUANTO E’ LEGGENDARIO LEDGER NEL RUOLO DEL JOKER: 10
CONSIGLIATO A CHI: tutti. Iron Man è -finora- il capolavoro della Marvel. Questo Batman è il capolavoro della DC Comics.
> Tralascio il “Superman” di Singer – troppo kitsch, troppo retrò, troppo buonista. Efficace Kevin Spacey, ma non lo si può prendere sul serio per tutto il film. A tratti molto meglio “Smallville”. Voto: 5-
> “Batman begins” alla luce del sequel: 7/8 - [evidenziati i limiti delle battute fuori luogo, presenti in numero maggiore; nel 2° episodio maggiore compattezza. Comunque era il miglior film dedicato all’uomo-pipistrello, ora spodestato dal Cavaliere Oscuro]
> Post Scriptum: On-line già disponibile il trailer di “Watchmen” (You-Tube)…dobbiamo temere qualcosa considerando il regista di “300”? (Nulla da eccepire, se non lo spirito totalmente differente che anima i due film).

FINE RECENSIONE DI LEO.
INIZIO DEL DELIRIO DI DENEIL.

Dunque.
C’è sto tizio tutto vestito di nero con un cappuccio con le orecchiette a punta tipo gatto che se ne va in giro per la città a spaventare tutti con la sua voce da trans appena operato.

E c’è un altro tizio che ha delle inspiegabili cicatrici in faccia, si diverte a truccarsi come un pagliaccio e continua a leccarsi le cicatrici e a deglutire come un maniaco perché evidentemente crede di essere simpatico.

Capita poi che il tizio con le orecchiette da gatto altro non è che uno sborone di nome Bruce Wayne che è il più ricco dei ricchi di sta città che nessuno sa dov’è di nome Gotham City.
Del tipo è uno che se ne va in giro a comprar ristoranti e a pavoneggiarsi con il nuovo procuratore della città che quel ristorante è tutto suo e quindi lui un posto ce lo trova sempre.
Capita anche che l’altro tipo, il maniaco che si crede simpatico, organizza delle rapine in banca praticamente perfette dove alla fine rimane vivo sempre e solo lui e poi se ne va in giro a ricattare i più potenti boss della mafia perché tanto lui ha le cicatrici in faccia e se le lecca quindi non può che essere potentissimo e invincibile.
Poi c’è un terzo.
È un figaccione biondo che fa delle campagne pubblicitarie che neanche Berlusconi ai tempi d’oro e ovviamente piace a tutti ma soprattutto al signor orecchiette che quasi quasi decide di smetterla di rendersi ridicolo ogni sera con quel costume delle palle che tanto non serve a nulla dato che si fa sempre un male cane.

Capita che sto figaccione sia innamorato (e stia con) della stessa faccia flaccida da zitella inacidita che un tempo era fidanzata con il signore sborone che potendo avere tutta la figa di Gotham City e dintorni (se esistono dei dintorni dato che sembra nessuno esca mai da quella città di merda che un tempo era anche oscura e piovosa e ora non si sa come sembra una metropoli qualunque… dev’essere evidentemente bello abitarci!) è ovviamente ancora innamorato della zitellaccia a cerca di riconquistarla nel migliore dei modi possibili: promette di non mettersi più le orecchiette e parlare come un trans ogni benedettissima notte.

IN BASSO A DESTRA LA PROSSIMA COMPAGNA DI BATMAN SECONDO NOLAN?
Ci son quindi sti tre tizi più un commissario coi baffi che finge di odiare Orecchietta come potrebbe fingere un bimbo di tre anni, un sindaco con l’eyeliner che non si capisce bene che cazzo serva in sta città di merda e una marea di cittadini che fan solo del casino nei momenti più inopportuni.
Ecco ci son tutti sti personaggi un po’ ridicoli che però si prendono terribilmente sul serio e son diretti da un certo signor Nolan che con un budget supermegaultraiperstratosferico decide bene che ora lo fa lui il cinefumettone del secolo e poche storie!
Prende tutti (compreso un tizio che gli piace tanto dato che l’ha già messo con esiti per me esilaranti in un altro film che se ne va in giro con un sacco di iuta sulla testa come se nulla fosse) e tira su una storiona un po’ da gangster, un po’ epica, un po’ drammatica e molto tamarra dove tra esplosioni da cinema e una buona dose di azione diretta senza dubbio in modo migliore rispetto a quel casino di Batman Begins cerca di infilare domande tanto profonde quanto ormai troppo abusate.
E l’eroe che in realtà eroe non è, anzi è pazzo quasi quanto il pagliaccetto.
E i normali cittadini che tanto son pazzi omicidi pure loro sotto sotto.
E i carcerati che in realtà sono i più buoni del mondo.
E la politica corrotta e con due facce.
E via di questo passo mentre Nolan ancora si diverte con qualche gingillo Batmanesco (quella cosa che segna gli impulsi o che cazzo fa un po’ di casino nelle scene d’azione) e con attori truccati in modo divino (Joker) o in modo imbarazzante (Due Facce sembra uscito direttamente da un Batman di Burton, e non è un complimento per un film che si vuole prendere così seriosamente!).

IL TRUCCO DI DENT NEL SEGUITO DEL CAVALIERE OSCURO...
C’è una fotografia tanto oscura e patinata da dar quasi fastidio (se davvero si vuole rendere una città sporca e cattiva per me una fotografia del genere non avrà mai un senso) e ci sono gli attori.
C’è la Gyllenhall a cui viene dato tanto spazio quanto se ne darebbe a un pesce lesso senza una reale motivazione (comincio a credere che a Nolan le compagne di Wayne stian sulle balle dopo la scelta di sorriso storto- Holmes), c’è Morgan prezzemolo Freeman che dove lo metti sta con quei denti tutti storti, c’è Gary Oldman con i baffi che fa la sua porca figura, c’è Michael Caine maggiordomo a cui sono sempre affidate le battute da simpaticone, c’è Aaron Eckhart che per metà del film sorride piacione e per l’altra metà viene annullato da quel mascherone ridicolo, c’è Christian Bale che poveraccio sotto quelle ridicole orecchiette cerca di dare un tono anche al suo personaggio (che alla fine risulta semplicemente uno sborone che si trasforma di notte in un trans dalla voce inascoltabile) e poi c’è lui.
Si.
Lo so che lo aspettate tutti.
C’è Heath Ledger.
Che ommioddio si diamogli l’Oscar postumo che lui è il vero Joker, che se lo porterà nella tomba, che, mamma mia, interpretazione dell’anno se non del decennio….ecco.
Ora caricatevi….
Prendete la mira….
A me non ha fatto impazzire.
Si, ha delle belle cicatrici in faccia.
Si, ha anche delle belle battutacce.
Si, si muove come un pazzo paranoico persino mentre cammina.
Si, deglutisce e si lecca le ferite ogni tre per due….però basta!
Interpreta un pazzo!
E in quanto pazzo è stato evidentemente lasciato libero di far quello che voleva per rendere il suo personaggio al meglio.
Per questo mi ritrovo ora, non a criticare l’interpretazione (molto buona!), quanto il fatto che il lavoro di Ledger sia stato ampiamente aiutato da una sceneggiatura che gli permetteva di far praticamente quello che voleva.
Immaginatevelo un Depp libero di far quello che vuole.
Un Robert De Niro.
Un Jack Nicholson (che invece nel film di Burton aveva comunque un impostazione ben definita).
Immaginateveli e non venitemi a dire che Ledger sia Dio sceso in Terra per quel che ha fatto.
E se credete che lo sia cazzi vostri.
Quando resuscita fatemi un fischio.
E tra duemila anni sappiam a chi dare l’8 per mille.
Per le campagne pubblicitarie ci pensa Dent….

VOTO:7/8 (nonostante tutto maledizione devo ammettere che è un buon film...)

21 commenti:

Weltall ha detto...

@Leo: a costo di ripetermi per l'ennesima volta, ti faccio i complimenti per l'analisi "simbolica" su questo film ENORME!
Siamo veramente arrivati al top del cinefumetto, anzi, Il Cavaliere Oscuro va ben oltre questo sottogenere!!!

@Deneil: cacchio! Sinceramente speravo di leggere un tuo commento entusiastico sul film ma vedo che tutto quello che a me ha esaltato, a te ha lasciato un po' freddino. Siamo d'accordo invece sulle strane scelte che sono state fatte, sia in Begins che in questo film, nella scelta delle attrici femminili per il ruolo di Rachel...veramente incomprensibili ^__^

LEO ha detto...

Questa sera solo un appunto velocissimo:

A) La rece di Deneil è quella che avrei voluto leggere io. Dice quello che c'è da dire. Io e Deneil siamo due facce della stessa medaglia, ci siamo trovati e ora siamo come una cartina tornasole del flusso cinematografico e di quello che ci propinano. I nostri commenti sono assolutamente la stessa recensione.
In pratica essendo la mia (le mie) imperniata(e) sui temi simbologici (finalmente centrate su un tema che ora mi pare veramente "mio", che unisce la passione del cinema con la ricerca universitaria-leggi "tesi in scienze delle religioni") e le sue basate sulla tecnica realizzazione - magari smaliziata, forse sarcastica, ma non fuori luogo, mai sopra le righe - non solo non sono inconciliabili, ma esse stesse sono un simbolo=l'unione dei due lati ci dà la totalità dell'opera, e solo questa può semplicemente equilibrare nell'unione degli opposti, nella "coincidentia oppositorum", il senso di un'opera.
B) poi, in pratica, vi risparmia di vedere 2 siti diversi per diversi punti di vista! Punto di forza? Giudicatelo voi.
c) Su Geomythology [link a sinistra nella pagina princ.]finalmente il post scientifico (sociologico e storico) sulla "nuova mitologia" del cinema tratto dall'epica, dai fumetti, dalla letteratura fantastica. Credo possa considerarsi come il background-la chiave- per tutte le mie rece postate su Recensioni Libere. Sono arrivato ad un punto di svolta nella comprensione di ciò che scrivo (speriamo ciò mi aiuti nell'università!). E il merito è tutto di Deneil, che mi ha dato la possibilità di esprimermi liberamente sul suo (mega-)blog.

Prima o poi pubblichiamo una selezione del meglio. Magari tra un anno, quando avremo un bel bagaglio di scelte. Statene certi.

"RECENSIONI-LIBERE"
Benvenuti nella nuova frontiera della recensione.

Leo

(scusatemi...un colpo di orgoglio cieco e arrogante.CHE COMMENTO MAGNILOQUENTE e pubblicitario...ahi ahi ahi, anzi come diceva E.T. ohi ohi: chi si loda si imbroda!)

PS: TRAILERS - "Watchmen"
- X-FILES2
(AAAAAAH!!! Basta C.S.I.!!!!!!!!Rivoglio X-FILES!!!!!!!!!!!Prima o poi mi prendo i DVD della 1a serie e li posto tutti come rece!!!!)

LEO ha detto...

@weltall:grazie mille! Spero che il mio commento precedente sia chiarificatore!

In arrivo prox:
a) una rece (stravecchia e d'annata! ma buona come il vino) su "Il seme della follia";

b) una trilogia dedicata a Guillermo Del Toro: HB+Lab. del fauno+HB2+una selezione dai fumetti della Dark Horse di Mike Mignola...no, non sarà così titanica come sembra (spero! ;-) siamo già alla 2a pagina!!)

c) le attrici femminili di Batman begins sono state pessime scelte, mal assortite (non mi riferisco alla bellezza, ma alla recitazione bislacca e sottotono di entrambe-fuori luogo e con la testa rivolta ad altro...). Non capisco. Mah. Deneil,aiutami tu! Che ne pensi (oltre a quanto già scritto)?
Leo

Ale55andra ha detto...

Leo e Deneil sono Harvey Dent/Due facce!! Detto questo sono d'accordo con Leo e in completo disaccordo con Deneil, che non ho capito che film si aspettava di andare a vedere, visto che gli fanno schifo il trucco di Joker, la faccia di Due Facce, la tuta di Batman con le orecchie...cioè tutto quello che uno SA che c'è nel film di Batman...se non piacciono determinate cose, magari il film non lo si va nemmeno a vedere...

Tommaso d-b ha detto...

Non toccatemi Hilary Swank.
Bye!

LEO ha detto...

...oh, ma che diamine!!!
Ci si fa in quatto per realizzare una mega-folle recensione con i controfiocchi, e parecchi giorni dopo siam solo a 5 commenti?!?!? )2 non contano perchè son mie!)

Allora, criticate, ammazzate il velo illusorio dello schermo, strozzate quei mouse striminziti (oppure adulateci, "...che è meglio!") ma rispondeteci!!!
"commentateci"!!!!

Ah...mi dicono dalla regia che all'alba di Ferragosto mi vengono fuori 'ste belinate!
Ah, allora pardon...
;-)
Leo

Deneil ha detto...

allora rispondo anch'io così per aggiungere un commento a sta cazzo di megarecensione che nessuno caga..
@weltall:secondo me nolan è misogino....
@leo:secondo me nolan è misogino...
@chiunque altro:secondo me nolan è misogino....

No vabbè dai seriamente...secondo me nolan è misogino.....

Ok la smetto...sinceramente non ho la minima idea sul perchè nolan abbia puntato su ruoli femminili così mal interpretati e mal scritti (dio mio in tutti e due i batman quando parlano sembra di sentire un cartone animato...), evidentemente non gli interessava questa parte di batman...i rumours dicono che se girerà un prox batman (quasi sicuro) forse ci metterà anche catwoman (questo è molto meno sicuro...)..staremo a vedere se farà anche lei di carta velina nel caso...
@ale55andra:nono aspe...a me il trucco di joker piace...il costume di batman un po meno è vero (sembra di polistirolo...) e così anche il trucco di due facce (li non questione di non piacermi quanto secondo me quel rucco non è adatto a questo tipo di approccio a batman..Infine il film l'ho visto perchè ne avevo i c.... pieni come avevo scritto nel post precedente di tutto quel battage pubblicitario..e quel troppo ha influenzato anche sul mio giudizio, me ne rendo conto!
@tommaso:ma è bruuuuutta.....:-D
@leo:credo che la mancanza di lettori sia dovuta al fatto che son tutti in vacanza...beati loro....e giov me ne vò pure io spero...ma tornerò...eccome se tornerò!

LEO ha detto...

[spazio personale]@Deneil: ma giovedì vai per caso in lidi consciuti e a noi (ahinoi!!) familiari?!? Se riesco prox settimana qlk gg vi sarò

Leo

Deneil ha detto...

@leo:(aggiungiamo commenti a muzzo!) ti ho risposto per mail, comunque pur non andandoci magari ci faccio un salto se ci sei e me lo dici!

Mario Scafidi ha detto...

quoto daneil... che solo oggi, dopo oltre un anno, scopro chiamarsi dEneil!!!!!!!!!!!!!!

filippo ha detto...

Io sto dalla parte di Leo (ma si era capito)...però devo dire che d'accordo o meno le recensioni di Deneil sono sempre uno spasso!:)

LEO ha detto...

Thanx Filippo, da entrambi!

@Mario Scafidi: NOOOOO! Deneil con la "E"!!! ;-)

Leo

Tommaso d-b ha detto...

Fingo di perdonare l'affermazione su Hilary Swank.

Rumours parlano d'un interesse dei produttori a un "Catwoman" interpretato da Tilda Swinton... non si precisa se si tratti d'un "Catwoman" a sè, magari rientra nel prossimo Batman by Nolan.
In quanto fan accanito di Tilda disapprovo (a meno che non si tratti d'un opera maestosa che dia al personaggio lo stile della Catwoman versione Pfeiffer e allora posso accettarlo).

Bye!

Mthemanager ha detto...

Ok il Joker e mi fermo qui con le note positive.
Batman risulta essere un pirla, il sindaco un travestito, Freeman ormai ho paura di trovarlo anche nel frigo dato che è ovunque (comuunque spero si rimetta presto), Gordon è anacronistico, Caine è ormai una simpatica caricatura di se stesso (comunque ci può stare), la Gyllenhaal sembra l'omino della Michelin ed è espressiva alla stessa maniera.
Se non s'è capito non ho gradito la pellicola

LEO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
LEO ha detto...

>Cancellatura precedente ad opera mia. Pardon!

@tommaso d-b:
-"Rumours parlano d'un interesse dei produttori a un "Catwoman" interpretato da Tilda Swinton"
>Prego ma ormai so (e Weltall con me) che con gli spin-offs tratti da fumetti bisogna davvero andarci con i piedi di piombo.
La Swinton androgino perfettamente diabolico (o angelico, se preferite!) in "Constantine"

@mthemanager:
"la Gyllenhaal sembra l'omino della Michelin ed è espressiva alla stessa maniera".
>Concordo!

Mthemanager ha detto...

Dimenticavo Dent: sembra l'androide del nuovo terminator (per rendere l'idea http://www.exile-designs.com/images/wallpapers/terminator.png)

Tommaso d-b ha detto...

Un Catwoman è appena stato fatto con esiti disastrosi.
Non adoro il genere, anzi... vedremo.

Bye!

Tommaso d-b ha detto...

Secondo il CorSera Angelina Jolie sta preparandosi a intepretare Catwoman.
Bye!

Chiara ha detto...

Sono d'accordo con Leo. Den... secondo me hai bisogno di ferie perchè (scrivi con la solita indiscutibile e perfetta orginalità) non puoi non aver amato questo film!
Uff. Credo non dormirò stanotte.

Anonimo ha detto...

ciao dani.Io seguo ledger fin dalle sue prime cosucce,credo di essere l'unice rimba che vuardava roar e l'aveva notato subito, un po' per la bellezza, un po' pe ril talent.Sicuramente l'interpretazione che ha fatto in batman era ottima ma e' stata enfatizzata all'ennesima potenza per via del tragico epilogo della vita di ledger.a parte tutot il film non mi e' dispiaciuto anche se continuo ad dodiare la voce da trans di orecchiette!!piu' che altro povero doppiatore, chissa' che raucedine!!
a presto ciao ciao, saretta