sabato 16 gennaio 2010

AVATAR

Finalmente.

C'è poco da dire.
3Damente parlando (così Cameron quando legge è contento se lo metto al primo posto) siamo a livelli improponibili rispetto al presente.
È come se 18 anni fa qualcuno avesse reso credibile un personaggio che si scioglieva e si ricreava come se nulla fosse.
Come se con 4 milioni di dollari e 36 giorni a disposizione sul finire degli anni ’80 potessi fare un film di fantascienza credibile.
Come se nel ’97 uno potesse ricreare un transatlantico in scala 1 a 1 spendendo 200 milioni di dollari e andare ancora in attivo di centinaia e centinaia di milioni dollari.
Ecco è un po’ una cosa così..
Non siamo al luna park, Cameron se ne sbatte di oggetti che ti vengono addosso e corse folli su carrellini da minatori, ti prende la testa e te la immerge in una vasca da cui non vorresti mai riemergere.
Si, graficamente parlando è una rivoluzione.
Storicamente parlando siamo sui livelli di un “Pocahontas”, “Battaglia per la terra”, “Braveheart” e chi più ne ha più ne metta.
Leggasi: uomo del popolo X che entra nel popolo Y per studiarlo e distruggerlo ma infine se ne innamora e comprende che il popolo bastardo è X, non Y.
No Cameron, non è assolutamente niente di nuovo, nemmeno il fatto che noi umani siamo alieni è innovativo (tanto per dirne uno recente “Placet 51”).
Si Cameron, è sempre una storia esaltante non posso darti torto.
Personaggisticamente parlando siamo dalle parti delle accette.
La dove i personaggi son tratteggiati col machete e persino il protagonista viene trascurato per far spazio a Pandora.
Pandoristicamente parlando: Sbav (Si veda Ratman per traduzione di sbav).
Fantascientificamente parlando: luce dei miei occhi.
Un “District 9” avrà una storia molto più innovativa, un “Terminator Salvation” sarà molto più apocalittico, Un “Il mondo dei replicanti” avrà un protagonista molto meglio tratteggiato ma un fan di fantascienza, fantasy e fantasia in generale non può che inginocchiarsi e sbavare ettolitri di bava fumante per tanto spettacolo chiuso in 2 e 40.
E ne vorresti ancora di più.
Vorresti vedere come vive il popolo del mare.
E quello delle pianure.
E scoprire ancora di più le montagne fluttuanti.
E esplorare tutta Pandora.
E cosa mangiano i Na’vi.
E qual è la loro storia.
E chi sono i loro antenati.
E com’è strutturata la loro famiglia.
E come vanno in bagno.
Ti prego Cameron.
Ancora.

REGIA: James Cameron
GENERE: fantascienza, fantasy.
ANNO: 2010
UNA PAROLA: portatevi un bavagliolo per la bava.
VOTO: 10-

9 commenti:

Weltall ha detto...

Mamma mia!!!
I commenti entusiastici si stanno diffondendo con una rapidità impressionante...ed io potrò andarlo a vedere solo la settimana prossima ^__^"

Anonimo ha detto...

Grande!! Bellissimo post che esprime il giusto entusiasmo quasi "nerdistico" che questa pellicola trasmette allo spettatore, o perlomeno a me e a quanto pare a te.

Ale55andra

Leo ha detto...

Inchiniamoci dinnanzi al genio di Mr. Cameron. Splendida recensione, essenziale...io ne ho ancora gli occhi pieni. Stasera lo vedrò per la seconda volta (sì, in 3-D, sì, non fa venire la nausea, sì sono i €10 meglio spesi della mia vita).
Il film che ogni storico delle religioni dovrebbe vedere. Nostalgia delle origini, situazione edenica benedetta da Dio; come se il mondo dei Na'vi fosse anteriore alla distruzione del patto con Dio, prima della rivolta sanguinosa e invidiosa di Caino. Gli animali nel Genesi sono stati creati lo stesso giorno dell'uomo, ma non avendo commesso il Peccato Originale non hanno mai perso la strada dell'esistenza secondo la volontà di Dio. Ecco, l'uomo si è corrotto, sulla Terra ha esteso il dominio sugli animali fino a disgregarne il senso eccetto che per uno scopo: servire forzatamente l'opera dell'uomo. C'è un punto che mi ha sconvolto durante la visione del film: è l'uomo l'anomalia nel Creato; teologicamente non poteva non essere così, considerando che con il Peccato venne la conoscenza e il libero arbitrio. Però Pandora ci mostra un mondo in cui la divinità, o meglio per chi preferisce l'evoluzione casuale, ha coinvolto gli animali: tramite la comunicazione "plug&play" si può entrare in comunione con tutto il Creato, dagli alberi (hard-disk e memorie esterne) agli animali. Non c'è bisogno di forzare la natura: con la comprensione dell'altro non ci può essere fraintendimento: "aiutami, non ti voglio fare del male, fratello" è il leitmotiv interiore che sembra stare alla base dell'"uso" che i Na'vi fanno della fauna.
Solo un appunto: C'è qualcosa di patetico in tutto questo spettacolo che però non c'entra direttamente con il film in questione...nel Pleistocene - e in alcuni casi fino a poche centinaia di anni fa (come il caso della Nova Zelanda e i suoi giganteschi "moa") - animali fantastici esistevano e coabitavano veramente con l'uomo. L'uomo però li ha massacrati impunemente: tigri dai denti a sciabola, mammut, mastodonti, rinoceronti lanosi, Elasmotherium, megateri, etc.
Paradosso della modernità: per creare una società non si poteva mettere tra parentesi la sicurezza della civiltà (cioè, tornare a casa rischiando di essere divorato o ritrovare il bivacco devastato da una mandria di enormi erbivori); però l'uomo non rinuncia a sognare e ricrea animali "finti". Nella finzione di Pandora (spero già in un " Avatar 2"!)i Na'vi commetteranno mai il Peccato originale? Massacreranno anche loro la natura e perderanno l'innocenza delle origini? Non c'è tempo nè spazio per queste riflessioni..ci tornero' sopra nel mio blog appena risistemerò i meiei pensieri.
VOTO: 10+.
Grazie James Cameron e grazie Deneil...(la citazione di Rat-Man è perfetta!!!) ;-)

Leo

P.S.: Concordo anche con il giudizio espresso sui 3 "Starship Troopers".. Domanda: "Cloverfield"?

Leo ha detto...

Nel commento precedente scrivevo: "Paradosso della modernità: per creare una società non si poteva mettere tra parentesi la sicurezza della civiltà (...)"
> NOTA: in alcuni casi reputo assai probabile - come nel caso storico dell'isoletta di Rapa Nui e di tanti uccelli endemici delle isole del Pacifico ora estinti - un becerro sfruttamento delle risorse alimentari animali fino al loro esaurimento. Questo testimonia la stupidità umana in fatto di programmazione razionale delle risorse - se ce ne fosse ancora bisogno (in barba a Hobbes et similia).

Leo

Deneil ha detto...

@weltall:ormai dovresti averlo visto...vengo a vedere che ne dici...
@ale55andra: togliamo anche il quasi...
@leo:commento come al solito altissimo..sembra poi che avatar 2 sia cosa certa dopo il successo incredibile di questo..e spero che Cameron porti avanti il discoso degli altri popoli di Pandora e magari qualche immagine di questa terra "bruciata" del futuro..quella che come dici anche tu continua oggi ad autodistruggersi grazie all'uomo...

alessandro_fiorenza ha detto...

Deneil! dopo praticamente più di un mese son riuscito anche io a vedere questo benedetto film... considerando che ho dovuto prenotare il tutto con quasi una settimana di anticipo e che la sala era colma fino all'ultimo posto in prima fila sulle estreme fasce laterali :)..
son rimasto estasiato e quando è finito tutto sarei rimasto lì altre due tre ore per immergermi nuovamente in quella dimensione...mi rispecchio perfettamente nella tua recensione!..davvero...speriamo in una continuazione (visto che ormai le trilogie si sprecano)

mar ha detto...

10-? non esageriamo...graficamente è bello, non c'è nulla da dire, ma è la classica stronzata americana che abbiamo già visto mille volte.
tanto prevedibile quanto graficamente entusiasmante.
non vedo la genialità dell'opera, preferirei un film un po' più sobrio ma con qualche trovata più interessante dal punto di vista della trama

Deneil ha detto...

Alessandro: da te non me lo aspettavo assolutamente..mi aspettavo un commento tipo: la solita americanata! :D

Mar: Certo il filo essenziale della trama non è nulla di che...ma Mar considera che i miei voti sono sempre in base al genere a cui appartiene un film..e da grande appassionato di fantascienza e fantasy non ricordo di essere uscito così estasiato dal cinema dai tempi di Jurassic Park mi sembra di ricordare...certo magari nulla di nuovo (e non sono molto d'accordo nemmeno su questo) ma sicuramente c'è molto di interessante...basta leggersi il commentone di Leo..direi che li c'è già più che abbastanza...

@lice ha detto...

Come trata è scontatissimo all' inverosimile, come grafica è strabiliante soprattutto nel 3D (ma mi ha fatto venire le vertigini, come quando provai x la prima volta un videogame moderno), ma sembra un po' un mega-videogame senza joypad..

La parte interessante, trascurata da viu (un po' descritta da Leo), è il modo di veicolare precisi significati mitici e psicologici (e Teologici!) attraverso un film coinvolgente: l'azione e la grafica uniti alla trama banale tengono occupato l'emisfero dominante, e i significati simbolici penetrano nel subconscio come x magia..
Si, questo film è zeppo di significati nascosto: 8vado a memoria, l'ho visto quando è uscito al cinema) ha una cornice New Age con il culto panteistico di Gaia trasposto nella simbiosi fra tutte le creature con Pandora e in quei ridicoli "colleghamenti USB neurali" che gli indigeni hanno nei capelli che permettono LETTERALMENTE ad essi il collegam,ento con animali e piante e con il pianeta stesso; poi c'è l'albero del Mondo, o almeno la sua trasposizione cinematrografica: in moltissime culture antiche un grande albero fungeva da asse e perno del mondo oltre che da collegamento fra terra e cielo, fra umano e divino... E questo solo x fare 2 esempi che mi vengono in mente così su 2 piedi..
Insomma, a me sembra un film creato non solo x sbancare i botteghini, ma anche (e forse soprattutto) x veicolare nel pubblico un messaggio New Age così in voga adesso (la religione della Nuova Era sarà la New Age, o almeno così sembra guardando come pure le Nazioni Unite sono impelagate con essa tanto da dare ampio spazio ad essa all'interno di organi ONU: guardate il caso della Teosofia, con una cappella nnel palazzo di vetro e ampie partecipazioni nei progetti educativi e di auto al terzo mondo..).

Quindi lo reputo un film veramente ben fatto..come filmone di propaganda...
(non siamo + in epoca nazista dove i film di propaganda erano ben fatti ma palesi come intenti: sono passati + di 60 anni e non solo gli effetti speciali si sono aggiornati).

Probabilmente pochi avranno capito in toto il mio commento (forse dopo una letta al mio blog capirete qualcosa di + su ciò che intendevo dire), e probabilmente mi metto a rischio di linciaggio mediatoico...
Ma cavolo, possibile che nessuno di voi si sia accorto che è un filmone di propaganda New Age?

Su altri film come ad es Guerre Stellari ho letto qui recensioni molto + profonde...
I registi non sono stupidi, soprattutto non quelli come Cameron o Spilberg! dentro i loro film mettono significati nascosti, simboli, archetipi, riferimenti ad antichi miti e religioni, e veicolano idee ben precise anche se non palesi ad una prima occhiata "ludica".